lunedì 5 ottobre 2009

Nonostante te stesso...



Dopo la pausa caffè... ascoltando questa musica... caddero dalla mia penna queste frasi poetiche...

Due parole per salutarsi davvero, nonostante…
nonostante il ricordo avvinghi ancora,
e gli alberi siano tuttora verdi.
E poi vai a spiegare quali sono le cose che contano,
i segreti taciuti, nei pomeriggi in casa,
e il budino al gusto di malinconia,
che il supermercato smercia in offerta sensazionale.
Le ore odorano di caffeina, inchiostro,
mentre il telegramma è ancora là,
ermetico,
dice, non dice, sussurra, fa capire, ammicca...
Poi ti resta in mano poco:
due o tre mosche, proverbiali,
anche se piuttosto moribonde,
e ottobre bussa ai vetri, con artigli nuovi,
e lo sai, alla fine avrà ragione lui.
Le situazioni, i drammi, le parole altrui, i sudori freddi
sono senza significato: ti appaiono alla rovescia,
come quelle parole lette al contrario,
che non comunicano nulla, mai:
ti manca la chiave giusta,
porti con te sempre quella sbagliata, la cantina invece del garage.
Ti dici che vorresti la sfrontatezza, l’ignoranza,
l’insensibilità di chi vede e non capisce, e passa oltre.
Ma non ti crede nessuno.

Forse la “salvezza” è là, non distante;
la foschia galleggia in alto, un telefono squilla,
gli operai bestemmiano in dialetto,
qualcuno ti ricorda che ci sei, nonostante te stesso.

La biografa (D. Constantine) Edizioni Nutrimenti

L’amore può vivere gravato da un’assenza totale, assoluta, perché l’oggetto d’amore è scomparso? È la domanda che percorre l’anima di Kat...