venerdì 12 ottobre 2012

Eugenio Montale (1896-1981)


È difficilissimo parlare di Eugenio Montale. Cosa non è ancora stato scritto su di lui? E chi non lo conosce, quantomeno a livello scolastico? Come tutti i grandi poeti, egli non cessa mai di parlare a chi lo vuole leggere. E dunque, ecco alcuni suoi versi, credo meno noti di quelli di Ossi di Seppia, Le Occasioni e Bufera, ma secondo me significativi della sua capacità di sperimentare linguaggi poetici differenti, spesso con un risultato felice.

Gli uomini che si voltano

Probabilmente
non sei più chi sei stata
ed è giusto che così sia.
Ha raschiato a dovere la carta a vetro
e su noi ogni linea si assottiglia.
Pure qualcosa fu scritto
sui fogli della nostra vita.
Metterli controluce è ingigantire quel segno,
formare un geroglifico più grande del diadema
che ti abbagliava.
Non apparirai più dal portello
dell'aliscafo o da fondali d'alghe,
sommozzatrice di fangose rapide
per dare un senso al nulla. Scenderai
sulle scale automatiche dei tempi di Mercurio
tra cadaveri in maschera,
tu la sola vivente,
e non ti chiederai
se fu inganno, fu scelta, fu comunicazione
e chi di noi fosse il centro
a cui si tira con l'arco dal baraccone.
Non me lo chiedo neanch'io. Sono colui
che ha veduto un istante e tanto basta
a chi cammina incolonnato come ora
avviene a noi se siamo ancora in vita
o era un inganno crederlo. Si slitta.

da "Satura" (1971)

Assalone, Assalonne! (W. Faulkner)

Scriveva Borges nel 1937 a proposito di Assalonne, Assalonne! : “A Faulkner piace esporre il romanzo attraverso i personaggi. Il metodo...