sabato 16 maggio 2009

Mi vergogno...

Il potere e le donne. Un tema antichissimo. Ma oggi il nostro premier, senza volerlo (oppure no?), ci costringe a pensare... La Repubblica gli ha posto dieci domande alle quale ogni governante, per rispetto dei governati, dovrebbe rispondere. Lui non l'ha fatto, perché non rispetta la pubblica opinione (la manipola), né crede che un premier debba comportarsi in maniera irreprensibile. Molti autorevolissimi blogger ne hanno parlato.
Io nel mio piccolo mi "vergogno", perché non sono all'altezza di Zola e di Pasolini per accusare:
Mi vergogno di essere governato da un premier che sceglie come ministri donne che non hanno mai fatto politica, bensì calendari...
Mi vergogno di vivere in un paese dove il premier è stato ascoltato mentre raccomanda sue amichette attrici all'ex presidente RAI..
Mi vergogno di vivere in un paese in cui le frequentazioni equivoche del premier piacciono a molti maschi italiani, che lo invidiano e non lo biasimano...
Mi vergogno di vivere in un paese in cui il premier va alla festa di compleanno di una ragazzina sconosciuta, senza spiegare perché lei lo chiami "papi"...
Mi vergogno di vivere in un paese dove il premier non risponde all'unica domanda che sarebbe giusto rivolgergli: "la" Noemi è una sua figlia segreta?
Mi vergogno di vivere in un paese in cui si perpetua l'idea della donna "oggetto", a fronte di tante parole sulla parità ecc...
Mi vergogno di vivere in un paese dove molte mamme, pur di vedere le loro figlie in TV, acconsentono che queste abbiano rapporti equivoci con uomini di potere...
Mi vergogno di vivere in un paese dove la quasi totalità delle veline, letterine, vallette sta in TV perché ha dato qualcosa di sé a uomini di potere...
Mi vergogno di vivere in un paese dove si ha il sospetto che i provini per vallette delle aziende TV siano dei postriboli...
Mi vergogno di vivere in un paese che mi costringe a vergognarmi di vivere in lui...

UNA BEFFA LUNGA QUASI MEZZO SECOLO: LA JUVE IN COPPA CAMPIONI

È iniziata prima che nascessi. La Coppa Campioni era stregata già allora: 1973, finale contro l’imbattibile Ajax del “calcio totale”....