domenica 12 maggio 2013

L'INCONSAPEVOLE DONO




Forse non ha senso domandarti
chi sei, da dove vieni,
perché io vengo da te,
lungamente atteso amato perduto
nel furore ingenuo
dei tuoi primi anni di donna.
E non ero solo un’appendice di te,
un sorriso che urla,
un ritardo sul calendario,
bensì un impasto informe
che stranamente hai abbandonato
sulla scale d’un ottobre assolato.
Generare rimorsi impotenti
è un vezzo che ti hanno concesso
anni lunghi e volti addolorati,
appoggiati ai cuscini della tua coscienza.
Non aver dato mai forma
a quell’impasto di carne creato in te
è una specie di morbido supplizio,
il mio più inconsapevole dono.

dalla silloge: G.Barreca, La giostra difettosa, Edizioni Lieto Colle 2009
Tutti i diritti riservati

UNA BEFFA LUNGA QUASI MEZZO SECOLO: LA JUVE IN COPPA CAMPIONI

È iniziata prima che nascessi. La Coppa Campioni era stregata già allora: 1973, finale contro l’imbattibile Ajax del “calcio totale”....