venerdì 13 settembre 2013

PENSIERI E VERSI SDRUCCIOLI

Questa è una poesia ritrovata tra le pagine di un libro. L'avevo dimenticata. Non so se la scena descritta sia realmente accaduta; autentica, però, è l'atmosfera, figlia dello scorrere del tempo vissuto con persone che conosco da decenni. Noi non ci sentiamo cambiati, ma attorno a noi tutto è mutato, e dunque lo siamo anche noi. Una poesia sull'ovvietà della malinconia, sui benefici del vino condiviso, sui malefici della nostalgia.





Nessuna paura stasera:
gli amici mescolano vino e salame
rievocando gozzoviglie d’un tempo
rese più belle dall’alticcia memoria notturna.
Ti guardi attorno e non sai
se ridere o piangere degli anni evaporati.
Butti gli occhi di là dai vetri
come se gli anni giacessero fuori
invitanti e da vivere.
I bicchieri annegano le angosce
le dita accarezzano briciole di pane
sulla tavola che è un letto di dure memorie.
Malinconie invecchiate
colorano le bocche ridanciane e unte
fino alla fine delle ore della notte.
Poi ognuno tornerà a casa
a proseguire da solo il gioco rimuginante
del “che tempi”, “che tempi”,
inventando un passato dorato
biasimando un presente che non doveva essere
così com’è forse.
Arriverà l’alba del lavoro e del sonno rubato
e sballottati tra il quasi tutto e il quasi nulla
la mediocrità apparirà un porto sicuro
dove affogare le smorte ambizioni d’un tempo.
Ma
quel bicchiere di vino e quel salame
torneranno a solleticare intelletti e memorie
e daranno vita a pensieri e sdruccioli versi
finché il tempo starà al gioco.

UNA BEFFA LUNGA QUASI MEZZO SECOLO: LA JUVE IN COPPA CAMPIONI

È iniziata prima che nascessi. La Coppa Campioni era stregata già allora: 1973, finale contro l’imbattibile Ajax del “calcio totale”....