domenica 21 marzo 2010

Il treno nella tormenta puntata 5/5



Qui la prima puntata, qui la seconda, qui la terza e qui la quarta.

RIASSUNTO PUNTATE PRECEDENTI: un treno è bloccato dalla neve sull'Appennino parmense, a Fornovo Val di Taro. Sul treno un ragazzo (Andrea) conosce una ragazza (Francesca); i due cominciano presto a divenire più intimi, mentre i viaggiatori si rifugiano al bar della stazione per scaldarsi. Francesca rivela che sta scappando dalla sua vita e da un matrimonio.
Questa confessione scatena la fantasia di Andrea; lui è fidanzato, ma è attratto da quella strana e misteriosa ragazza. L'atmosfera diviene ancor più conturbante allorché la direzione delle ferrovie consiglia ai passeggeri di pernottare in un albergo del paese. Andrea e Francesca prendono due camere singole contigue.
I ragazzi cenano assieme; Francesca racconta molte cose di sé e Andrea avverte un irresistibile desiderio di lei. Anche la ragazza appare attratta da lui. Poi però Andrea ha un attacco di sonno e, suo malgrado, deve andare a dormire, mentre Francesca appare delusa, ma non dice nulla. Più tardi, nel cuore della notte, la ragazza bussa alla porta di Andrea e da quel momento scoppia l'amore tra i due, un'intesa perfetta li avvolge. Poi il sonno, il deliquio...


ATTENZIONE. IL RACCONTO POTREBBE URTARE LA SENSIBILITÀ DI ALCUNI LETTORI!!!

Francesca cominciò ad accarezzarmi il pene, con delicatezza. Ero del tutto inerme, non potevo né muovermi, né parlare, ero in balia di lei, delle sue voglie. Lei faceva ogni cosa in modo dolce, e io sapevo che non avrei resistito a lungo. Quando venni mi uscirono dei gemiti soffocati e vidi il mio corpo sussultare, e mi sentii sul punto di spezzare le corde che mi legavano al letto. Francesca continuava ad accarezzarmi lì, con tenerezza e io caddi in una specie di deliquio beato, nel quale ebbi la impressione di addormentarmi di nuovo…
Però non mi assopii perché Francesca aveva ripreso ad armeggiare con il mio pene. Lo stava baciando, producendosi in una fellatio appassionata e intensa. La vedevo muoversi su di me come una donna esperta. Ero di nuovo eccitatissimo e desideravo toccarla, ma non potevo muovermi.
Un attimo più tardi, Francesca salì sopra di me: sentii che muoveva il mio sesso per farlo entrare in lei. Mi dava la schiena: la vedevo muoversi in modo ritmico, direi armonico, assieme a me, ascoltavo il suo piacere che arrivava inarrestabile. Nella penombra la sua schiena mi appariva come l’oggetto più attraente del mondo. Cercavo di partecipare anch’io, muovendo il bacino per quel che potevo e, più mi muovevo, più la vedevo sussultare. Quando tutto finì ebbi l’impressione di strappare le corde che mi tenevano legato; il mio bacino sussultò in modo violento e mi sembrò di aver scaraventato a terra Francesca, che invece stava sopra di me e appariva del tutto inebriata dal piacere provato. Era tutto frutto di lei, del suo movimento, della sua iniziativa, della follia che l’aveva portata a conquistarmi, a fare prima del sesso “normale” con me, poi a legarmi e a sfruttarmi per le sue voglie di dominio per tutta la notte. Un’esperienza da raccontare, questa è la cosa che, ricordo bene, mi venne in mente dopo che fu tutto finito.
Poco dopo, Francesca si alzò da me lentamente. Mi pulì con un fazzoletto di carta, mi baciò di nuovo il sesso più volte: credevo che la mia eccitazione non sarebbe mai terminata. Poi pulì se stessa e se ne andò in bagno. Mentre scorreva l’acqua del bidet, percepivo nella stanza il profumo del nostro piacere, del nostro sudore, della nostra “perversione”. Avvertivo di nuovo il dolore alle giunture, da quasi un’ora strette nelle corde. Ma stavo benissimo. Non avevo mai provato una cosa del genere e mi sembrava la situazione più erotica che mai avrei potuto sperimentare. Francesca mi aveva fatto del male, legandomi in quel modo. Ma, dopo quello che era successo, mi sentivo ancora più attratto da lei. Mi chiedevo cosa avrebbe pensato il suo ragazzo se avesse saputo una cosa del genere; chissà se mai aveva sospettato di quella voglia di Francesca. E poi, mi dissi, sarà vero che sono la prima persona con cui l’ha fatto? Ormai desideravo stare con lei molto più del giorno prima, quando avevo di mira sono una semplice avventura. E Marta, cosa avrebbe detto di me? Avrebbe creduto al mio essere stato vittima delle circostanze?
dopo cinque minuti Francesca uscì dal bagno. Si vestì e venne verso di me. Mi baciò sulla fronte. Poi disse:
«Grazie tesoro, è stato l’addio al nubilato che desideravo. Non lo avevo progettato, ti assicuro, anche se mi ero portata dietro le cordicelle. Sai, mi rendo conto che piaccio e, quando vado in giro, mi accorgo quando qualcuno mi guarda con desiderio. Per cui, avendo questa idea fissa di legare un uomo e possederlo, violentarlo, disponendo di lui a mio piacimento, cercavo solo il coraggio per farlo. Ma pensavo che non l’avrei trovato mai. Invece ho incontrato te, che mi volevi ma non avevi il coraggio di dirmelo. Sono contento che sia successo con una persona come te. Certo, se non ti baciavo io, tu non facevi nulla. E, ti dico, mi piaci molto come tipo, e se fossi libera… Mah, chissà, magari libera tornerò. Ho la tua mail, ti scriverò forse. Per questo con te ho prima voluto fare l’amore, come una coppia, come due persone che si piacciono. Poi ho voluto averti tutto per me e, ti assicuro, mi è piaciuto tanto. Se non fossimo stati in un albergo con le pareti di carta avrei urlato come una matta, ma ho dovuto contenermi… Certo, scusa per la benda sulla bocca e per averti legato mani e piedi, ma vedrai che il dolore passa subito. Ora ti slego, ma sappi che non devi urlare, né fare cazzate di altro genere, capito? E non cercare di raccontare alla polizia queste cose, perché non penso che ti crederanno. Sarebbe facile inventarmi che mi hai violentata, e sai che in questi casi si crede alla donna, non all’uomo. Per favore, dunque, non raccontare nulla, fallo per me, credimi, ho cercato di farti solo del bene».
Non avevo certo intenzione di mettermi a urlare, né di prenderla a pugni e a calci. Ma Francesca stava tornando in se stessa e ora era lei ad avere paura, come donna, della mia reazione. Per cui il mio cuore tornò ad accelerare perché la ragazza, per essere ancor più persuasiva, mi puntò un coltello sul collo. Sentivo la lama fredda accarezzare la mia barba vecchia di due giorni e la mia pelle, la mia preziosa pelle. Cominciai a sudare e a tremare: una strana sensazione di freddo (avevo la pelle d’oca) e di calore mi avvolse. Cercai, con dei versi e dei gesti, di comunicarle che non avrei fatto nulla.
Poi Francesca mi slacciò le mani: feci fatica a muovere le braccia per qualche attimo; mi bruciavano i polsi e avvertivo dolore alle spalle, come se fossero state lussate. In realtà mi accorsi che non era così. Poi Francesca mi tolse la benda e mi parve di rinascere: emisi un sospiro di sollievo lunghissimo, ma non potei dire nulla perché Francesca mi baciò con trasporto. Era stupendo sentire la sua lingua nella mia bocca e avvertire il desiderio che cresceva nuovamente in me. Dopo quel bacio dissi:
«Non preoccuparti, non dirò niente e non ti farò niente. Sei una donna stupenda».
Lei mi fissò sorridente come le avevo visto fare altre volte quel giorno, cioè dischudendo appena le labbra. Sembrava tornata la ragazza fragile e senza malizia del giorno prima. Una metamorfosi che non riuscivo a spiegarmi. Ma non m’interessava per nulla.
Infine, Francesca mi diede un ultimo bacio sulle labbra e fece per andarsene. Una grande malinconia mi invase. Le dissi: «Non ci rivedremo mai più?». Lei, ormai sulla porta, rispose: «Non lo so, credimi...». E se ne andò. Erano le cinque e mezza del mattino. Poco dopo, stanchissimo e inebriato da quel ricordo tremendo e bellissimo, mi addormentai di colpo.

La mattina, verso le 8.30, il telefono della camera squillò. Saltai sul letto, spaventato. Presi la cornetta. Dall’altro capo del filo una voce mi avvertiva, cortesemente, che la colazione sarebbe stata servita alle ore 9.00 e che, dovendo il treno ripartire alle 10.30, le ferrovie consigliavano ai passeggeri di affrettarsi, anche perché non avrebbero più coperto le spese di “soggiorno” a Fornovo, né avrebbero rimborsato il biglietto in caso di rinuncia al viaggio.
Con una voce da oltretomba, ringraziai e riagganciai. Sì, non desideravo rimanere in quel posto, dovevo andare da Marta. Le scrissi un sms avvertendola della partenza imminente e lei mi rispose scrivendomi che era felice. Povera Marta, se avesse saputo… Mi lavai di fretta e mi accorsi, con stupore, che le caviglie e i polsi non presentavano particolari arrossamenti. Non me ne curai, però, perché pensai che la notte non avevo avuto la possibilità di guardare il mio corpo: avevo avvertito del bruciore, ma non avevo visto i segni rossi a causa del buio. Si vede che Francesca era stata molto delicata nel legarmi.
Guardando fuori della finestra, mi accorsi che non nevicava più. Il cielo era bianco lattiginoso, ma, come dire, di un biancore piuttosto chiaro, non grigio come il giorno prima.
Scesi nella hall e mi guardai attorno con il cuore che batteva. Nessuna traccia di Francesca, benché il ricordo di lei, del suo corpo e del suo odore fosse pungente nelle mie narici e nella mia memoria. Passando davanti alla sua porta, non avevo avuto il coraggio di bussare, anche perché sarei stato molto imbarazzato a parlare con lei. Mi aspettavo però di vederla nella hall e mi domandavo come ci saremmo comportati. Ma Francesca non c’era: che fosse partita per conto suo? Che avesse deciso di rimanere lì, continuando la sua fuga? Che si fosse fatta venire a prendere dalla zia oppure dal suo fidanzato con il quale magari aveva fatto pace? Scartai quest’ultima ipotesi, vista la distanza da Sarzana e da Brescia; e poi, sapevo che nevicava su tutta la pianura Padana e che la circolazione stradale era difficoltosa. Così almeno diceva la radio accesa lì, nel bar dell’albergo.
Terminai di mangiare e salii in camera per preparare la borsa e andarmene. La porta della stanza di Francesca era ancora chiusa; mi fermai un istante appoggiando l’orecchio per provare a captare qualche rumore, ma non udii nulla. Poco prima delle 10 uscii dalla mia camera, infagottato e con la borsa a tracolla, per dirigermi verso la stazione. Nella hall riconobbi buona parte dei passeggeri del treno del giorno precedente. Nessuna traccia, però, di Francesca. Cominciai a essere preoccupato per lei: lo stato in cui si trovava, il disorientamento che stava vivendo, quello che era successo tra di noi, mi indusse a temere che avesse potuto compiere un gesto terribile. E in parte me ne sarei sentito responsabile, perché l’avevo conosciuta, anche troppo bene, quella notte. E sarebbe venuto fuori tutto, avrei dovuto raccontare ogni particolare alla polizia, perché un suicidio avvenuto in un albergo di una cittadina dell’Appennino avrebbe fatto scalpore. Anche perché io dormivo nella stanza a fianco. Avrei potuto mentire sui rapporti tra me e Francesca? No di certo, perché se le avessero fatto l’autopsia avrebbero facilmente scoperto che avevamo avuto diversi rapporti sessuali. E magari avrebbero sospettato di me e, nel frattempo, la mia vita sarebbe andata a rotoli: immaginavo il dolore e lo sdegno di Marta, la sofferenza dei miei familiari, la vergogna che mi avrebbe avvinto.
Completamente immerso in quelle immagini di tragedia, in quelle paranoie vive e pungenti, ormai convinto, nevroticamente, del suicidio di Francesca, tornai verso la sua camera, quasi di corsa. La porta era ancora chiusa. Avevo il fiatone, più per l’emozione che per gli scalini fatti a due a due. Esitati almeno un minuto prima di bussare. Avevo le nocche già appoggiate alla porta, allorché vidi spuntare un inserviente dell’albergo che stava pulendo le camere all’inizio del corridoio. Mi guardò con aria interrogativa, come se non s’aspettasse di trovare ormai più nessuno in quella zona dell’hotel. Mi chiese con voce chioccia:
«Cerca qualcuno?».
Io lo guardai con altrettanta sorpresa, come se fosse lui l’intruso in quel posto. Aveva una mascella terribilmente quadrata, da pugile in pensione. Notai una cicatrice sull’occipite destro. Decisi di darmi un contegno serio e gli risposi:
«Mi chiedevo come mai la signorina che ha dormito in questa camera non sia ancora scesa. Sa, il treno sta ripartendo e lei deve andare a Sarzana… ».
La mascella quadrata si mosse, mentre gli occhi rotearono in modo interrogativo, come se io avessi parlato in una lingua incomprensibile. L’inserviente mi venne vicino come se volesse sincerarsi della mia sanità mentale. Sentii un alito davvero sgradevole e mi allontanai impercettibilmente.
«Sta scherzando, vero?», mi disse, squadrandomi.
«Perché?», ribattei a mia volta, quasi offeso dal quel tono e dall’espressione che poteva nascondere la volontà di prendermi in giro o di darmi una sberla sul muso.
La mascella quadrata si mosse verso di me, ma solo per parlare. Osservato da quella distanza, l’inserviente mi parve gigantesco, un armadio. Le mani erano proprio quelle da pugile.
«Guardi che questa camera non la diamo mai a nessuno perché si è rotto il tubo del riscaldamento tre giorni fa e proprio oggi aspettiamo l’idraulico per la riparazione. Dunque, credo che lei si sia sbagliato di camera… non le conviene affrettarsi? Potrebbe perdere il treno… ».
Rimasi senza parole, senza fiato, senza pensieri. Ero sicurissimo che fosse quella la camera di Francesca, come ero certo della nottata passata, delle sensazioni provate, del suo corpo unito al mio. Ovviamente non dissi nulla di tutto ciò. Non ebbi il coraggio di chiedere all’inserviente se stesse scherzando lui, perché avevo come l’impressione che la sua mascella mi avrebbe inghiottito. Mi sentii molto stupido e fatuo. Balbettai confuse parole di scuse e cominciai ad allontanarmi. L’inserviente, però, aprì la porta della camera e mi disse: «Prego», facendomi cenno di entrare.
La camera era buia e fredda, ma in ordine. Odorava di chiuso e di solitudine. Entrai con circospezione, come se mi trovassi sulla scena di un delitto. Ma non c’era nulla di strano. Il letto era a posto, il bagno anche. Una chiazza d’acqua si allargava sotto il calorifero. Aveva proprio la parvenza di una stanza in cui non nessuno dormiva da giorni.

tutto il materiale qui presente è protetto da copyright
© OGNI RIPRODUZIONE PARZIALE O TOTALE DEI TESTI QUI PRESENTI E' SEVERAMENTE VIETATA, PENA LE SANZIONI PREVISTE PER L'APPROPRIAZIONE INDEBITA DEI DIRITTI D'AUTORE. TALI RIPRODUZIONI POSSONO ESSERE AUTORIZZATE SOLO PREVIA RICHIESTA AI TITOLARI DI QUESTO BLOG. (legge del 22/4/'41 n°633)

Assalone, Assalonne! (W. Faulkner)

Scriveva Borges nel 1937 a proposito di Assalonne, Assalonne! : “A Faulkner piace esporre il romanzo attraverso i personaggi. Il metodo...